Piante perenni per terreno secco e povero

Si puo' realizzare un giardino senz'acqua e le piante che abbiamo selezionato resistono alla siccità estiva.

Origine delle perenni adatte al terreno secco e povero

L'ambiente naturale da cui provengono ci informa sulle loro esigenze di coltura. Esse devono adattarsi a estati calde e aride, a inverni e primavere freschi e umidi. I terreni pesanti, argillosi ... e umidi d'inverno sono ovviamente vietati. Cosi come i terreni ricchi che indurrebbero uno sviluppo antiestetico, o, peggio, l'apparire del marciume delle radici.

Le piante perenni per terreno secco e povero prediligono la terra leggera, ghiaiosa, ben drenata in inverno. Esse trovano in modo naturale il loro posto nel giardino roccioso o nel giardino su ghiaia. Il loro scarso appetito le destina, anche, a essere coltivate in vaso, giardiniera, vasca, muretto a secco. La maggior parte sono adatte alla coltura in pieno sole; l'ombra secca è l'oggetto di una classifica a parte.

Queste piante provengono spesso dall'ambiente mediterraneo, dalle zone costiere europee, africane o dell'est del Nord America (California). Da questo, la loro rusticità variabile a secondo le specie, dalla zona 9 alla zona 7, dipenderà molto la loro condizione di coltivazione.

Un profumo di macchia nel mio giardino! Thymus, Lavandula, Origanum ... vi si svilupperanno correttamente e sono adatti a sopravvivere alla siccità. Anche le graminacee hanno il loro posto nel giardino secco. Stipa, Festuca apporteranno leggerezza e luminosità, mentre invece Eragrostis e Muhlenbergia, apporteranno i loro colori caldi.

Dal punto di vista paesaggistico, l'accostamento di piante provenienti dallo stesso ambiente geografico, permette di riprodurre, senza sbagliarsi, degli scenari armoniosi.

Piante perenni per terreno asciutto - Origanum vulgare

Origanum vulgare L. (Origanum hirtum Link)
Sturm, J., Sturm, J.W., Deutschlands flora, vol. 20 (1845-1849)

Coltivazione in terra secca

Se in modo naturale, il vostro terreno è povero e sassoso, l'adattamento di queste piante non porrà alcun problema. Potete preparare un miscuglio per la piantagione suddiviso in parti uguali di terra da giardino, di sabbia grossa e di buon terriccio orticolo. Le piante xerofite, adatte agli ambienti secchi, possiedono per la maggior parte un sistema radicale vigoroso, sia sottoforma di un'estesa radice pelosa, sia con la formazione di radici oscillanti profondamente radicate. Conviene, allora, di decompattare, in profondità, e in larghezza, la buca di piantagione. Zappa, piccone e sbarra di ferro possono essere necessari!

Se desiderate sistemare un giardino mediterraneo in una terra franca, il primo punto da verificare è l'acidità del terreno. In effetti, la maggior parte delle perenni o delle graminacee per terreno secco amano soprattutto una terra debolmente acida a alcalina. Si aumenterà, semplicemente, la proporzione di elementi drenanti quando si prepara il miscuglio di piantagione con l'aggiunta, se necessario, di emendamenti di calcio ben sapendo che in una terra ricca la loro crescita puo' essere vigorosa, poco armoniosa e la loro longevità diminuita.

Molte di queste piante hanno un fogliame succulento oppure un aspetto a cuscino. Un terreno ben drenato non basta per assicurare il successo della loro coltivazione! Una protezione con la messa in opera di un piccolo strato di ghiaia al colletto della pianta su uno spessore di 3 cm, procura una migliore ventilazione e basta, in molti casi, a risolvere il passaggio delicato degli inverni freddi e umidi.

Il caso del pacciame organico. Gran parte di queste piante soffrono dell'eccessiva umidità durante l'inverno e di un terreno troppo ricco. Si eviterà l'uso di mulching organico e si preferià un pacciame minerale su uno spessore di 3-4 cm. (ghiaia 8-15 mm). Al seguito delle potature o delle fioriture, micro talee e semi potranno facilmente appigliarsi e dare cosi il via alla naturalizzazione ...

E del pacciame plastico. Per il giardino dei dilettanti, la piantagione su un telone di plastica è un controsenso agronomico.

Il giardino senza irrigazione

In clima secco (bacino mediterraneo, in riva al mare...), la piantagione avverrà preferibilmente in autunno; le giovani piantagioni approfitteranno delle pioggie invernali e d'inizio primavera per radicarsi prima della siccità estiva. Le piantagioni effettuate in primavera andranno piu' sorvegliate. Qualche innaffiatura potrebbe essere necessaria durante il primo anno di coltivazione. Conseguentemente, l'irrigazione automatica, spruzzata, a goccia oppure tubo forato puo' essere nefasta alle vostre colture di perenni per terreno secco e povero con lo sviluppo di muffa alle radici o alle foglie.

Per concludere, affermiamo di nuovo che per riuscire il proprio giardino, occorre semplicemente scegliere le vostre future piante a secondo delle condizioni di coltura, della natura del terreno delle condizioni climatiche. Per aiutarvi, vi consigliamo di utilizzare il nostro motore di ricerca avanzata, la pianta giusta al posto giusto e a scorrere il nostro capitolo dedicato al giardino su ghiaia.

Showing 1 - 12 of 154 items
Accept

I Cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra